Donatori di Musica è una rete di musicisti, medici e volontari, nata nel 2009 per realizzare e coordinare stagioni di concerti negli ospedali. L’esperienza emotiva ed umana dell’ascolto della musica dal vivo è un diritto di tutti, e in particolare di chi si trova ad affrontare situazioni critiche.


 

Come Associarsi

 

Comunicato

Perchè la Grande Musica divenga sempre più strumento di importante aiuto alle cure mediche in ogni reparto di oncologia.  Gian Andrea Lodovici

IBAN ASSOCIAZIONE: IT07R0617513618000080805080

 

I musicisti e i volontari che intendano collaborare con Donatori di Musica possono contattare direttamente i referenti delle sedi in cui sono attive le stagioni, nella sezione "Oncologie".


All'Associazione Donatori di Musica il Premio Alexander Langer 2013 - Motivazioni del Comitato scientifico
5.7.2013, Fondazione

La decisione di premiare “Donatori di Musica” - una rete di artisti, medici, infermieri e volontari che prende il nome dall'impegno a organizzare, prevalentemente in reparti oncologici, stagioni di concerti - può sembrare una rottura con la tradizione che per anni ha visto la Fondazione Langer privilegiare l'opera di pacificazione e di soccorso in luoghi di conflitto e di crisi umanitaria. Più che una rottura, però, è uno spostamento: dal lontano al vicino, dall'emergenza alla quotidianità, dalla cura della vita offesa alla cura della vita pericolante. E non solo: se c'è un tratto che accomuna i nostri premiati, è la scelta nonviolenta, e di nonviolenza la pratica medica ha un profondo bisogno.

Quando Gandhi, e dopo di lui Illich, denunciavano gli effetti patogeni della moderna medicina, il bersaglio erano sia lo specialismo, sia la violenza potenziale legata alla disparità di conoscenze, padronanza, potere fra chi soffre e chi cura. A maggior ragione nella malattia oncologica, in cui il malato può vivere momenti di vulnerabilità estrema, in cui il corpo può ridursi a un groviglio di sofferenza nelle mani di chi ha la facoltà (e l'onere) di decidere le terapie e i tempi, modi, luoghi in cui applicarle.

Oggi la medicina ha imparato a riflettere su se stessa, sulla propria vocazione, sul proprio ambiente; da anni in molti ospedali c’è chi si sforza di "umanizzare" la degenza promuovendo iniziative per lo svago e la socializzazione. Giusto, ammirevole.

Ma i Donatori puntano a qualcosa di diverso: a contrastare un modello di medicina che ancora tende a sequestrare il paziente in una enclave istituzionalizzata, a rinchiuderlo nell'identità esclusiva di "malato di cancro"- e qui viene spontanea un'analogia con gli interventi in situazioni di guerra civile o di catastrofe naturale, dove i colpiti sono vittime, certamente, ma non vittime soltanto, e amerebbero avere rapporti da persona a persona, non da bisognosi a soccorritori.

Per rompere la segregazione, per dare spazio alle molte cose che un malato continua a essere, la via maestra è costruire legami fra i degenti, i loro familiari e amici, gli artisti, gli operatori sanitari. Un lavoro che non può accontentarsi della performance isolata perché vuole tempi lunghi, continuità, sapienza sedimentata, un contorno coerente.

E' in questa prospettiva che il concerto prende senso come strumento e simbolo di condivisione: si discute, lo si prepara insieme, insieme si vive la beatitudine che la musica sa dare, si gusta il cibo che accompagna l'incontro. E insieme si cambia.

La presenza nel reparto dei musicisti, un pezzo di mondo dal quale i pazienti sono stati esclusi o si sono lasciati escludere, ha consentito - dicono i Donatori - una “rivoluzione imbarazzante” per la sua semplicità: iniziata dalla consapevolezza che ognuno è nello stesso tempo sano e malato, spesso in transito da una condizione all'altra, la rivoluzione è approdata alla scoperta che non necessariamente il paziente è la figura che chiede e riceve, può altrettanto bene essere quella che offre e dà. In questa logica di scambio, l'artista porta la sua musica, gli operatori le proprie conoscenze, i malati il proprio sapere: esperienza del dolore, ma non soltanto, anche storia della vita che si è vissuta e si spera di tornare a vivere.

E' un insieme che protegge dal rischio di diventare, proprio malgrado, "malati professionali". Ed è una critica pratica alla nostra cultura, in cui il cancro è avvolto da un'aura perturbante che rende difficile persino nominarlo, e che può falsare i rapporti e le parole. L'esperienza dice che ci si può opporre. E' proprio dall'esperienza nascono i Donatori.

Nel 2007 un musicologo e direttore artistico, degente all'ospedale di Carrara, propone al suo primario di organizzare un concerto - quel che faceva prima e vuol continuare a fare nel modo in cui gli è possibile. L'esperimento ha una ricaduta bella e fattiva oltre le previsioni, tanto che l'evento si trasforma in sistema, e invoglia altre persone, altre istituzioni - gli ospedali di Bolzano, Brescia, Saronno, Sondrio, Vicenza, San Camillo Forlanini di Roma.

Un progetto così semplice e così ambizioso esige regole e patti. Agli artisti chiede, insieme all'eccellenza professionale, sensibilità e riserbo: nessun turismo umanitario, nessuna autopromozione o ritorno di immagine. Agli operatori chiede un lavoro costante di informazione calibrato sul livello diffuso di conoscenza della malattia e delle opzioni terapeutiche. A tutti si chiede empatia, rispetto reciproco, messa in discussione dei ruoli: nel setting del concerto, nessuno ha un abbigliamento "di funzione”, a significare che si tratta di una performance diversa da ogni altra.

Ma nella cura il medico non abdica al suo ruolo. Lo svolge con più consapevolezza del punto di vista del malato, ma anche dei propri disagi, difficoltà, debolezze, da affrontare insieme. A differenza che nella direttiva "il malato al centro", che lascia spesso la decisione nelle mani del medico, qui al centro è il rapporto. E quel rapporto è la condizione per una buona alleanza e una modalità di cura non accanita e non bellicosa - come avviene invece nella diffusa tendenza a concepire la terapia come guerra, duello, prova di forza.

La priorità delle relazioni è l'altra faccia della “rivoluzione imbarazzante”: mentre ancora oggi l'«umanità» del curante è considerata dagli stessi pazienti un (pregevolissimo) di più, per i Donatori è parte integrante dell'eccellenza professionale. Senza la quale non c'è buona medicina né buona terapia.

Questo impegno complessivo non è materia per un progetto di riforma sanitaria; è materia per un lavoro di riforma interiore, la stessa strada che porta a scegliere la nonviolenza e a decidere consapevolmente della propria vita.

Il Presidente del Comitato scientifico: Fabio Levi

Il Presidente della Fondazione: Enzo Nicolodi


 

News

27 ottobre 2018
sabato 27 ottobre 2018 Benedetto Lupo apre la stagione di Donatori all'Hospice di Lecce

Anche l'Hospice di Lecce, dopo quello di Rimini, entra in Donatori di Musica. Ancora una volta la grande musica per alleviare la sofferenza della malattia oncologica. Il grande sogno di Gianandrea Lodovici continua a realizzarsi. Il pianista Benedetto Lupo, che da oltre dieci anni dona la sua musica nei reparti oncologici, aprirà questa prima stagione musicale

leggi »»


21 ottobre 2018
Al Camelot RSA di Gallarate, inizio stagione di Donatori di Musica

Camelot , la Residenza per Anziani non autosufficienti di Gallarate, grazie alla Responsabile Marusca Bianco ed al pianista Lorenzo Bovitutti darà inizio ad una nuova stagione musicale il giorno 21 ottobre alle ore 17 con Roberto Bacchini al pianoforte, Elisa Ghezzo al flauto traverso ed il soprano Antonella Romanazzi. Buona musica a tutti i residenti

leggi »»


10 ottobre 2018
Giornata Mondiale della Salute Mentale. Schieppati & Tomingas aprono la stagione dei Donatori a Conegliano

Primo concerto della stagione dei Donatori di Musica presso il SPDC di Conegliano: da quest'anno anche il SPDC di Conegliano entra a far parte dei reparti di ospedale presso i quali i Donatori di Musica organizzano le stagioni musicali a favore dei pazienti. Il primo concerto sarà il 10 ottobre, giornata mondiale della Salute Mondiale

leggi »»


25 aprile 2018
Le Cure Palliative di Lecce entrano in Donatori

La musica vitale dei Donatori entra nell'Hospice di Lecce diretto dal Dottor Vincenzo Lucio Caroprese. Accanto all'Hospice di Rimini quindi un'altra struttura che segue malati in questa fase della malattia. Che il vento soffi dolcemente alle loro spalle. Benvenuti

leggi »»


vedi tutte le news

Prossimi eventi

13 dicembre 2018
Saronno, Oncologia
Saronnoi
sala: Oncologia
ore: 17:00
solista: Katia Caradonna pianoforte, Sergio Bonetti flauto
leggi »»


13 dicembre 2018
Genova, Oncologia1 San Martino
Genova
sala: Oncologia
ore: 16:00
solista: Patrizia Ercole voce, Andrea Baselvi pianoforte
leggi »»


13 dicembre 2018
Brescia, Oncologia, Spedali Civili
Brescia Spedali Civili
sala: Atrio ISTITUTO DEL RADIO scala 6, piano IIĀ°
ore: 15:30
solista: Daniela Savoldi violoncello
leggi »»


18 dicembre 2018
Reggio Emilia Oncologia
Reggio Emilia
sala: Oncologia
ore: 18:00
solista: Orchestra giovanile Mikrokosmos
leggi »»


vedi calendario generale

 

realizzato da UbyWeb&Multimedia